Capitolo XVIII LA VENDETTA DEL MARCHESE

 Mentre don Barrejo, protetto da una fortuna piú che sorprendente, riusciva a sfuggire al marchese di Montelimar, quando si vedeva già appeso ad un grosso ramo d’albero, Mendoza e De Gussac rimasti sul nido, si erano precipitati all’impazzata sulla femmina e dopo un violento battagliare erano riusciti a decapitarla ed a precipitare nella sottoposta foresta quel corpaccio che colle sue ali ancora aperte occupava tutto il rifugio aereo.

 Avevano assistito, col cuore stretto da un’angoscia indescrivibile, alla volata del guascone, però si erano subito rassicurati vedendolo scendere lentamente verso terra.

 Non s’immaginavano però che quel dannato uccellaccio andasse a cacciarsi fra i tori dellapuna per far ridurre in una poltiglia sanguinolenta il suo avversario.

 Sbarazzatisi quindi della femmina, non avevano avuto che un solo pensiero: quello di mettersi in cerca del valoroso taverniere.

 – Bisogna trovarlo, – aveva detto Mendoza, il quale amava don Barrejo come se fosse suo fratello.

 – E subito, – aveva soggiunto De Gussac.

 Senza pensare che sotto di loro si potevano trovare ancora i tori dellapuna o gli spagnuoli, si preparavano a sgombrare il nido, quando videro il condor che aveva, per modo di dire, rapito il suo compagno, comparire al di sopra dell’immensa foresta e muovere verso di loro.

 – Che non si finisca piú con questi uccellacci!… – esclamò Mendoza, pallido d’ira. – Ecco l’altro che ritorna all’attacco.

 – Scendiamo subito, – disse De Gussac.

 – Sei pazzo!… Se ci assalisse prima che noi possiamo giungere a terra, vedresti che terribile capitombolo faremmo.

 – Mandiamogli un paio di palle.

 – Nemmeno per sogno, camerata. Poco fa ho udito il cane che urlava, quindi vuol dire che gli spagnuoli sono nelle vicinanze.

 – E don Barrejo?

 – Aspetterà che anche noi ci siamo sbarazzati di questi ostinati uccellacci.

 “Aveva l’archibugio con sé, quindi non correrà un immediato pericolo.”

 – Che non si sia rotte le gambe?

 – Non sarà stato cosí stupido da abbandonare le zampe del condor a grande altezza.

 “Sono certo che noi lo ritroveremo appollaiato su qualche altro albero.

 “Orsú, prepariamoci alla seconda battaglia, che prevedo sarà non meno terribile della prima.”

 – Prendete la draghinassa di don Barrejo; vi servirà meglio della vostra spada, – disse l’ex-taverniere di Segovia.

 – E vero, – rispose Mendoza. – Cercherò di non guastargliela, poiché ci tiene troppo a questo pezzo d’acciaio.

 Il condor, invece di muovere subito all’assalto del nido, si era innalzato per quattro o cinquecento metri e di lassú si era messo a descrivere dei giri che andavano a poco a poco restringendosi.

 Si capiva che voleva lasciarsi cadere quasi di peso sul nido, per tentare di schiacciare i due intrusi.

 Mendoza e De Gussac, in ginocchio, colle draghinasse puntate in aria aspettavano coraggiosamente l’attacco che prevedevano terribile.

 Per cinque o sei minuti, l’enorme uccellaccio si mantenne a quell’altezza, poi ripiegò un po’ le ali, discendendo con fulminea rapidità.

 Già stava per cadere sul nido, quando cinque o sei colpi d’archibugio rimbombarono improvvisamente in mezzo al bosco.

 Colpito certamente da parecchie palle, tentò di risollevarsi, mandando grida feroci, quando ad un tratto le forze gli vennero meno.

 Raccolse le ali e si lasciò cadere come corpo morto in mezzo alla foresta, dove i cacciatori lo aspettavano di certo.

 Mendoza e De Gussac, udendo quegli spari, si erano lasciati cadere in fondo al nido.

 – Gli spagnuoli? – aveva chiesto l’ex-taverniere con inquietudine.

 – Non possono essere che loro, – aveva risposto il basco, il quale non si sentiva pure affatto tranquillo.

 – Che ci abbiano veduti?

 – Avrebbero fatto fuoco piuttosto su di noi che sul condor.

 – Adesso prenderanno don Barrejo.

 – È un tal diavolo d’uomo che non mi dà troppe preoccupazioni, – rispose Mendoza. – Io l’ho sempre veduto cavarsela anche nelle situazioni piú difficili.

 – Allora siamo noi invece che corriamo il pericolo di venire crivellati di palle. Se si accorgono che noi siamo quassú non ci risparmieranno.

 – Udite il cane voi?

 – No, non l’odo piú.

 – Si sarà messo alla testa di qualche cinquantina, – disse Mendoza. – È una vera fortuna per noi, poiché avrebbe potuto seguire la nostra pista fino alla base di questopinou . Tuttavia la nostra situazione non mi pare troppo allegra.

 “Se don Barrejo si troverà male, noi non ci troviamo meglio.”

 – Che cosa fare ora?

 – Rimanere tranquilli ed aspettare che gli spagnuoli se ne vadano. Don Barrejo a quest’ora avrebbe fatta già la proposta di riprendere la dormita.

 – Io non avrò questo coraggio, – rispose l’ex-taverniere.

 – Confesso che non l’ho nemmeno io e che preferisco vigilare, per difendere la mia pelle meglio che potrò.

 – Possiamo dare uno sguardo?

 – Lasciate fare a me, – disse Mendoza. – Il vostro elmetto luccica troppo e potrebbe attirare subito l’attenzione dei nostri nemici.

 Si gettò bocconi e si mise a strisciare verso il margine del vasto nido, da cui poteva sicuramente vedere gli spagnuoli, se erano entrati nella foresta, come faceva supporre l’uccisione del condor.

 Stava per sporgere il capo, quando delle voci umane salirono fino a lui.

 – Ehi, Alonzo!… Guarda dove aveva il nido quel condor. Lo vedi?

 – Sí, Pedro.

 – Forse ci sarebbe da raccogliere una bella frittata lassú.

 – Se vuoi romperti il collo provati tu. Io mi accontento di un po’ di brodo dei due volatili.

 – Sí, dei due volatili. Che cosa ne pensi tu della femmina che abbiamo trovata decapitata?

 – Che, stanca di vivere, si sia suicidata.

 Uno scroscio di risa salutò quella risposta spiritosa.

 – Adagio, camerati, – riprese colui che si chiamava Pedro. – Che io sappia, i condor non hanno mai posseduto dei rasoi per farsi cosí ferocemente la barba.

 – Allora spiegherò io, camerata, come s’è svolta la dolorosa istoria. La condoressa rivedeva qualche amico ed il marito, accortosene, le ha strappato la testa o meglio gliel’ha tagliata con un terribile colpo di becco.

 “Credi tu che anche fra i volatili non esista la gelosia?”

 – Dite quello che volete, ma questa sera, dopo cena, tenterò la salita di quell’albero, – rispose Pedro. – Voglio andare a vedere se vi sono dei condorini.

 – Se ne abbiamo già raccolti due, – disse un altro soldato.

 – Ve ne possono essere degli altri.

 – Tu sei un asino, Pedro, e non conosci i condor. Ma se vuoi provare i tuoi muscoli, non saremo certamente noi che te lo impediremo.

 Mendoza udí un altro scroscio di risa, poi piú nulla.

 – La nostra situazione si complica, – mormorò. – Se quell’uomo si prende il capriccio di fare una visita al nido siamo fritti.

 Stette qualche minuto ancora in ascolto, poi, non udendo piú nulla, osò sporgere la testa. Si trovava d’altronde ad una cosí grande altezza che non sarebbe stato facile scorgerlo, specialmente fra i lunghi rami delpinou , i quali si stendevano quasi orizzontalmente.

 Delle nuvole di fumo salivano in aria, a breve distanza dalla grossa pianta. Gli spagnuoli, con grande spavento di Mendoza, dovevano essersi accampati.

 Il basco scostò con precauzione i rami e scorse una dozzina e mezza d’uomini, affaccendati a spennacchiare i condor ed i piccini.

 Il fuoco era stato acceso ed una pentola di dimensioni non comuni, era stata appesa ad un ramo, in attesa di ricevere un buon pezzo di quella selvaggina aerea, eccellente per fare del brodo, ma coriacea come quella di un vecchio mulo.

 – Se vi fosse con noi don Barrejo, si avrebbe potuto tentare questa sera una sorpresa, – mormorò il basco. – Diciotto contro due sono troppi.

 “Toh!… Come si sono frazionate queste cinquantine!… Si vede che a quei signori preme assai averci nelle loro mani, mentre a noi preme di non lasciarci prendere.”

 Si ritrasse colle medesime precauzioni di prima e si allungò accanto a De Gussac, informandolo di quanto aveva veduto e udito.

 – Se quel curioso giunge quassú, noi saremo scoperti, – disse l’ex-taverniere, diventando un po’ pallido.

 – Oh!… Non è ancora salito, mio caro De Gussac, ed in una scalata notturna possono succedere molti accidenti, come la rottura d’un ramo abilmente tagliato prima.

 “Prima che la luna si mostri mi occuperò io di questo affare e non vorrei certo trovarmi dopo nei panni di quel visitatore di nidi.”

 – Con tuttociò non sono tranquillo, Mendoza.

 – Oh, nemmeno io! – disse il basco. – E credo che in questo momento non lo sia nemmeno quel povero don Barrejo.

 “Spero però, se si sarà rifugiato subito su qualche pianta, che scorgerà i fuochi dell’accampamento e che si guarderà bene dal raggiungerci finché gli spagnuoli non se ne saranno andati.”

 – Per voi dunque il mio caro compatriotta sarebbe ancora vivo?

 – E perché no? Il condor, trascinato dal peso scendeva abbastanza dolcemente, – rispose il basco. – Quegli uccelli posseggono una forza straordinaria, non tale però da poter sorreggere a lungo un uomo, anche se magro come don Barrejo.

 – Avete ragione e probabilmente egli si trova in migliori condizioni delle nostre, perché non correrà il pericolo d’essere, come noi, da un momento all’altro crivellato dalle palle.

 – Alto là, compare! Questo nido, quantunque non sembri, è solido come una piccola fortezza ed i proiettili non lo attraverseranno a sessanta o settanta metri di distanza.

 “Quello piuttosto che temo è un assedio in piena regola, senza provviste, mentre questo ventre insaziabile ricomincia a brontolare.”

 – Stringetevi la cintola.

 – L’ho già fatto, – rispose il basco. – Corpo d’una pipa!… Che profumo sale dal basso!

 “Non lo sentite, voi?”

 – È odore di buon brodo, – rispose l’ex-taverniere di Segovia. – Me ne intendo io.

 – Ho capito. Gli spagnuoli hanno cacciato nel pentolone qualche ala di condor e si preparano la zuppa.

 “Che peccato non poter prendere parte alla loro mensa!”

 – Come vi siete stretta la cintola, turatevi il naso.

 – Se fosse lungo come quello dei guasconi, si potrebbe provare, mentre invece i nasi dei baschi, non si sa il perché, pare che abbiamo un grande desiderio di scomparire.

 L’ex-taverniere di Segovia non poté trattenere una risata che, da quell’altezza, non poteva di sicuro giungere agli orecchi degli spagnuoli.

 I due assediati, tormentati dalla fame e stuzzicati da quell’odore di brodo che arrivava sempre fino a loro, si stesero nel nido l’uno accanto all’altro, dopo d’aver preparati gli archibugi.

 Sotto udivano gli spagnuoli chiacchierare e ridere. La zuppa di condor doveva averli messi in allegria, dopo tante privazioni.

 Dopo l’odor del brodo fu il fumo delle pipe che giunse fino sulpinou , con grande disperazione di Mendoza, il quale, possedeva del tabacco, ma non osava servirsene.

 Le ore trascorsero in un’ansia continua pei due disgraziati, i quali temevano ad ogni istante di veder qualcuno dare la scalata dell’altissimo albero.

 Appena il sole fu tramontato e le tenebre furono scese sulla foresta, Mendoza, come aveva promesso, prese l’affilata draghinassa di don Barrejo ed incise profondamente due rami che si allungavano sotto il nido, uno a destra e l’altro a sinistra.

 Un uomo, per quanto agile e destro, che si fosse spinto fino lassú ed avesse messa una mano su l’uno o l’altro di quei rami, non doveva salvarsi da uno spaventevole capitombolo.

 Nel frattempo gli spagnuoli, i quali pareva che avessero ricevuto l’ordine di bivaccare in quel luogo per lasciar tempo alle cinquantine di radunarsi e formare massa, avevano accesi altri falò e messi sui carboni enormi pezzi di carne di condor. Una viva allegria regnava nel campo, mentre una cupa tristezza regnava sul nido dei condor.

 I disgraziati, per la seconda volta avevano dovuto accontentarsi dei profumi, abbastanza stuzzicanti, che salivano dal basso. Mendoza, che era affamato come un lupo, aveva stretta la sua cintura di pelle di un altro occhiello.

 Ad un tratto alcune voci si alzavano, seguite da scrosci di risa:

 – Pedro!… Pedro!… La luna spunta sulla cima dellasierra .

 – Va’ a cercarti la frittata dei condorini.

 – Da’ una prova della forza dei tuoi muscoli,carrai !

 – Su, su, in alto! Noi staremo a vederti.

 Mendoza non aveva potuto trattenere una bestemmia.

 – Avete udito, De Gussac? – chiese.

 – Pare che la nostra ultima ora stia per suonare, – rispose il guascone. – Questo è quanto ho capito.

 Mendoza si era alzato sulle ginocchia, stringendo ferocemente la draghinassa di don Barrejo.

 La luna appariva in quel momento, dietro la piú alta cima dellasierra , rovesciando sui boschi i suoi dolcissimi raggi azzurrini.

 – Potevi, almeno per una volta, annegarti nel mare, – disse il basco.

 Sotto la pianta, gli spagnuoli continuavano a gridare in coro:

 – In alto, Pedro!… La luna è sorta per illuminare la frittata!… Una voce finalmente si alzò, dominando quel frastuono.

 – Giacché volete la frittata, l’avrete.

 “Pedro non ha che una parola.”

 Il soldato che portava quel nome, un gagliardo garzone che non doveva toccare la trentina, si alzò e dopo essersi fatta scorrere la misericordia da destra a sinistra per essere piú libero nelle mosse, s’avvicinò alpinou e con un gran salto s’aggrappò ad uno dei primi rami.

 – Voglio mostrarvi, – disse, – come i gabbieri prendono d’assalto le alberature. Silenzio e lasciatemi fare.

 Mendoza e De Gussac tutto avevano veduto e tutto avevano anche udito. Se quell’uomo riusciva a scansare i rami quasi tagliati, potevano considerarsi come perduti.

 – Che cosa dite, Mendoza? – chiese l’ex-taverniere di Segovia, il quale tormentava il grilletto del suo archibugio. – Se lo freddassi prima che potesse giungere fino a noi? Sono sicuro dei miei colpi.

 – Ed anch’io dei miei, – rispose il basco, – però vi prego di lasciare in pace le armi da fuoco per ora.

 “Io non dispero ancora. D’altronde penso che le loro palle non riusciranno a passare questi grossi rami cosí strettamente intrecciati.”

 – E se arriva?

 – Lo faremo prigioniero e lo terremo in ostaggio. Siamo in due ed entrambi robusti ed avremo facilmente ragione di quel gabbiere del malanno.

 “Tuttavia teniamo pronte le draghinasse e se sarà proprio necessario ce ne serviremo.”

 – E dopo?

 – Un assedio in piena regola.

 – Senza niente da cacciare in corpo. Ah!… Se don Barrejo ci avesse lasciati almeno i condorini.

 – Tardivi rimpianti, – rispose il basco. – L’uomo sale lesto: attento, De Gussac!…

 Il gabbiere, abituato a scalare le sartie dei galeoni e favorito dalla luna la quale illuminava la foresta magnificamente, montava rapidamente, aggrappandosi di ramo in ramo.

 Di sotto, i suoi compagni, disposti in circolo intorno alpinou , lo guardavano senza parlare.

 Mendoza e De Gussac lo vedevano, col cuore stretto all’angoscia, avvicinarsi. Il primo aveva impugnato la draghinassa di don Barrejo, mentre il secondo aveva ripreso l’archibugio, deciso a servirsene checché dovesse accadere poi.

 Qualche minuto ancora ed il gabbiere raggiunse gli ultimi rami che reggevano il nido. Stava per aggrapparsi già all’orlo della costruzione, quando si udí un crac sinistro.

 Uno dei rami sui quali si appoggiava aveva ceduto ed il disgraziato, dopo d’aver mandato un urlo straziante, era andato a sfracellarsi fra i fuochi del campo, con grande terrore dei suoi compagni.

 Il tonfo di quel povero corpo che precipitava da quell’altezza, era stato cosí intenso, da poterlo paragonare ad un colpo di spingarda o di falconetto.

 Passato il primo istante di spavento, gli spagnuoli erano accorsi a lui e s’avvidero subito che pel disgraziato gabbiere, vittima del ramo traditore preparato da Mendoza, non vi era da fare altro che scavargli una buca in mezzo alla foresta.

 – Mi rincresce averlo ammazzato cosí, senza affrontarlo, – disse Mendoza a De Gussac.

 “Disgraziatamente la guerra non ha leggi, specialmente qui, e noi eravamo nel nostro pieno diritto di difendere la nostra pelle.”

 – Crederanno ad una disgrazia i suoi compagni?

 – Ah!… Questo non lo so.

 Il dubbio del guascone era ben fondato, poiché gli spagnuoli, dopo d’aver gettata una coperta da campo sopra il gabbiere, si erano messi a girare intorno alpinou , guardando sospettosamente l’immenso nido.

 Ad un tratto uno di loro alzò l’archibugio e sparò un colpo. I due assediati udirono la palla penetrare fra i rami, ma come il basco aveva previsto, non giunse fino a loro.

 I fucili di quell’epoca avevano una portata limitatissima ed una penetrazione misera, tale anzi che un solo ramo sarebbe bastato a far deviare facilmente un proiettile.

 Altri cinque o sei colpi furono sparati, a breve distanza l’uno dall’altro, sempre contro il nido, collo stesso risultato.

 Mendoza e De Gussac, quantunque temessero che da un momento all’altro qualche palla potesse aprirsi un passaggio, si guardarono bene dal rispondere.

 Ad un tratto delle grida di terrore echeggiarono nel campo spagnuolo:

 – I tori!… I tori!… Anda!… Anda!…

 Una torma di quelle pericolosissime bestie, attirata probabilmente da quegli spari e disturbata nel suo sonno, caricava all’impazzata attraverso la foresta, dirigendosi appunto là dove i fuochi brillavano.

 Gli spagnuoli, sapendo con che razza di animali avevano da fare, spararono a casaccio i loro ultimi colpi, quindi si dispersero per la foresta, sempre inseguiti dai furibondi cornuti.

 Mendoza si era alzato in piedi di colpo esclamando:

 – Ecco degli alleati sui quali io non contavo. Se vi preme mettere in salvo la pelle, De Gussac, lasciate subito il nido e scendiamo nella foresta.

 “Passate a sinistra se non volete fare la fine di quel disgraziato gabbiere.”

 Scavalcarono in un lampo l’enorme cesta, non senza aver prima raccolta la famosa draghinassa di don Barrejo che non volevano assolutamente perdere, e cominciarono la discesa, calando di ramo in ramo.

 In lontananza si udivano le grida degli spagnuoli, accompagnate, di quando in quando, da qualche colpo d’archibugio.

 L’inseguimento non era dunque ancora cessato.

 Cinque minuti dopo, Mendoza e l’ex-taverniere di Segovia erano a terra.

 I fuochi ardevano ancora, il pentolone giaceva col fondo in aria, qua e là erano state dimenticate delle armi.

 Il basco raccolse due spade, s’avvicinò alla salma del povero gabbiere che per un caso straordinario era sfuggita alla carica dei tori, formò una specie di croce e gliela mise sulla coperta, dicendo con voce abbastanza commossa:

 – Avrei preferito affrontarti colla spada alla mano e ricevere una stoccata. Riposa in pace, pover’uomo.

 Poi spiccò tre o quattro salti attraverso i falò e si mise a correre, seguito da De Gussac, nella direzione tutta opposta a quella presa dagli spagnuoli.

 Ora che era libero non aveva che un solo pensiero: quello di ritrovare il terribile guascone, senza del quale si sentiva come sperduto, quantunque avesse trovato un altro spadaccino appartenente alla medesima razza.

 Che cosa era successo dunque dell’allegro don Barrejo? Vagava pei boschi cercando di orientarsi, o era stato catturato dagli spagnuoli? Mendoza si rivolgeva cento volte queste domande, senza riuscire a fare un po’ di luce sulla misteriosa scomparsa del guascone.

 Però non disperava. Aveva veduto il condor scendere dolcemente ai confini della boscaglia e si teneva certo che don Barrejo non si sarebbe lasciato cadere da una grande altezza, per rompersi le gambe.

 I due avventurieri, spinti dal desiderio di sottrarsi alle ricerche degli spagnuoli e di trovare il compagno, continuavano a correre a tutta lena, quantunque si sentissero sfiniti dal digiuno.

 Dopo una buona mezz’ora, raggiunsero il margine della boscaglia. Dinanzi a loro si stendeva una vasta prateria, fortunatamente in quel momento non occupata dai terribili tori dellapuna .

 – Don Barrejo deve essere calato qui, – disse Mendoza, tirando il fiato.

 – Eppure non si vede, – rispose De Gussac. – Se provassimo a sparare un colpo di fucile?

 – Mai!… Ne ho abbastanza degli spagnuoli.

 – Dove cercarlo allora?

 – Comincio a disperare, De Gussac. I filibustieri lontani, noi quasi smarriti sulle cime di questasierra , don Barrejo perduto.

 “Che cosa accadrà di noi? Dove andremo a finire?”

 – Probabilmente appesi a qualche ramo con una corda al collo, – rispose il guascone.

 – Che don Barrejo ci abbia già preceduti? Attraversiamo questa prateria ed andiamo a rovistare la boscaglia opposta.

 “Forse laggiú potremo azzardarci a sparare un colpo di fucile.”

 Dopo aver guardato attentamente, temendo che qualche branco di tori sonnecchiasse fra le alte e profumate erbe, i due avventurieri ripresero la corsa, raggiungendo felicemente il margine della seconda foresta, la quale si stendeva lungo una gobba dellasierra .

 Si erano inoltrati per due o trecento metri, quando udirono improvvisamente risuonare, a breve distanza, parecchi spari.

 Quasi subito un uomo passò dinanzi a loro, correndo come un cervo e mostrandosi ai raggi della luna.

 Due grida erano sfuggite a Mendoza ed a De Gussac:

 – Don Barrejo!…

 Il fuggiasco si fermò, tenendo l’archibugio imbracciato, poi abbassò l’arma e mosse verso i suoi compagni non meno stupiti di lui, dicendo:

 – Panchita, la bella castigliana, deve pregare per me, camerati. Se qualche buon genio non mi avesse sempre protetto, don Barrejo avrebbe finita la sua carriera con una fune al collo.

 “Mendoza!… De Gussac!…Qua, fra le mie braccia!…”

 – Ti credevo morto, – disse il basco, – e non sapevo rassegnarmi all’idea di riprendere il viaggio senza di te.

 “Chi ha fatto fuoco?”

 – Io.

 – Sei o sette colpi?

 – Avevo un fascio d’archibugi. Ma questo non è il momento di chiacchierare, amici. Se vogliamo prendere il marchese di Montelimar, seguitemi subito.

 “Gli spagnuoli del piccolo campo sono quasi inermi.”

 – Il marchese di Montelimar!… – esclamò Mendoza.

 – Corri, e non parlare!…

 Guidati da don Barrejo, il basco e l’ex-taverniere di Segovia-Nuova, si erano cacciati nella foresta, seguendo delle vaste aperture tracciate certamente dai tori dellapuna .

 Attraverso il fogliame si vedevano brillare vagamente i fuochi del campo.

 Con una corsa velocissima i tre avventurieri attraversarono la distanza e piombarono sull’accampamento cogli archibugi puntati.

 Non vi era, almeno in quel momento, bisogno di bruciare della polvere, poiché gli spagnuoli, credendosi assaliti dal corpo principale dei filibustieri, non avevano piú fatto ritorno.

 Anche il marchese era scomparso.

 Mendoza e De Gussac, vedendo il pentolone, vi si erano precipitati sopra per raccogliere gli ultimi avanzi, mentre don Barrejo faceva una rapida esplorazione pel campo.

 Un grido di furore interruppe il loro magro pasto.

 Il terribile guascone si era fermato dinanzi al cadavere d’un soldato, cacciandosi disperatamente le mani nei capelli.

 – Il vecchio sergente!… Un altro guascone!… È quello che mi ha fatto fuggire e il marchese lo ha assassinato! – gridava.

 Mendoza ed il guascone numero due erano accorsi.

 Un uomo, che aveva due lunghi baffi grigi e dei galloni sulle maniche della sua variopinta casacca, stava steso in mezzo all’erba col capo fracassato da una e forse da due palle.

 – Chi è? – chiese Mendoza.

 – L’uomo che mi ha fatto fuggire prima che il marchese mi appiccasse, ed è uno dei nostri, sai, De Gussac, un guascone anche lui, – rispose don Barrejo, il quale aveva le lagrime agli occhi.

 – Chi l’ha ucciso?

 – Quel cane di Montelimar, non ci può esser nessun dubbio. Solo il marchese aveva delle pistole alla cintura, e questi non sono colpi d’archibugio.

 – No, – rispose il basco, il quale appariva pure profondamente commosso, poiché in quel momento pensava al povero gabbiere. – Qualunque uomo di guerra lo capirebbe subito.

 Don Barrejo si morse le dita a sangue, poi disse:

 – Quel Montelimar non rivedrà piú mai le torri dei suoi castelli di Francia e di Spagna, perché io lo ucciderò.

 Si chinò sul cadavere del sergente, gli chiuse gli occhi, poi disse ancora:

 – Seguitemi!… Il marchese si trova dinanzi a noi con pochi uomini, quasi sprovvisti d’armi da fuoco.

 “Voglio avere la sua pelle!…”

Lascia un commento

*

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.