La riconoscenza d’un monarca africano

Mentre Giovanni Finfin, generalissimo e principe si cullava bravamente nelle sue illusioni, una bufera si addensava lentamente sul suo capo. La popolarità immensa che ormai godeva presso i chikani e presso gli imbikini e che aumentava di giorno in giorno, aveva cominciato a mettere in gravi … [Per saperne di più...]

La battaglia

Il ritorno di Pompeo ferito, colla testa sanguinante dell'ambasciatore, diede pur troppo una prova lampante a Finfin che aveva avuto torto d'agire con un monarca africano come se fosse stato il capo d'una nazione civile. Egli si pentì amaramente della morte del povero negro, ma ormai non vi era … [Per saperne di più...]

Il re degli antropofaghi

L'indomani Giovanni e Korosko passavano in rivista i due eserciti. Il momento di mettersi in campagna era giunto; le bande erano state divise in battaglioni ed in compagnie ed anche discretamente disciplinate ed istruite e richiedevano di venire condotte contro gli antropofaghi, certi di vincere … [Per saperne di più...]

Caccia agli ippopotami

Gli ippopotami sono gli animali più mostruosi dopo gli elefanti, superando per mole anche i rinoceronti che pure hanno una taglia gigantesca. Essi sono molto diminuiti al giorno d'oggi in causa della caccia sfrenata che si fa a quei poveri anfibi per impadronirsi dei loro denti che danno un avorio … [Per saperne di più...]

Fra i Chikani

Eccoli in viaggio!... Quale divertimento per Finfin nel sentirsi portare da quel docile animale attraverso la pianura erbosa!... Il bravo giovanotto, tutto felice mandava delle grida di gioia mentre Pompeo eseguiva dei capitomboli magistrali balzando dal dorso al collo della gigantesca … [Per saperne di più...]

Un elefante divorato dalle termiti

Giovanni Finfin e Pompeo - tale era il nome dato all'intelligente ed affezionato quadrumane - per un mese intero seguirono il corso di quel fiume vivendo dei prodotti della caccia e di frutta che la scimmia andava a cogliere sulle cime dei più grandi alberi. Gazzelle, lepri, ed uccelli non erano … [Per saperne di più...]

Il primo compagno

L'ostacolo era stato vinto. Giovanni Finfin, ormai sbarazzato da quella barriera insuperabile, concentrò la sua attenzione sulle montagne che voleva raggiungere per attraversare il fiume. Distavano non più di dieci miglia, una semplice passeggiata per le gambe robuste del nostro … [Per saperne di più...]

Nel deserto

Erano le quattro del mattino quando Finfin aveva abbandonato il villaggio congolese. Egli marciò dieci ore senza arrestarsi, credendo sempre di avere alle spalle il re Mao-Kombo ed i suoi sudditi. La prospettiva di venire preso e decapitato gli aveva date le ali ai piedi. Quando si arrestò, il … [Per saperne di più...]

Un brutto quarto d’ora

Lasciamo che l'Aglae navighi verso i mari d'Europa ed occupiamoci a ritrovare Giovanni Finfin il quale non era niente affatto morto come aveva creduto il capitano Dorsemaine. Abbiamo lasciato il nostro eroe nel momento in cui si era precipitato sul cassero di poppa dietro la principessa Ben-Bera, … [Per saperne di più...]

Il banchetto a bordo

Il capitano dell'Aglae, a cui premeva di mettere in esecuzione il suo ardito progetto, diede subito mano allo scarico ed all'imbarco degli oggetti venduti ed acquistati colla più grande attività, ma i negri non imitarono punto i marinai del veliero. Stranieri a tutti i sentimenti dell'avarizia o … [Per saperne di più...]