Un elefante divorato dalle termiti

Giovanni Finfin e Pompeo - tale era il nome dato all'intelligente ed affezionato quadrumane - per un mese intero seguirono il corso di quel fiume vivendo dei prodotti della caccia e di frutta che la scimmia andava a cogliere sulle cime dei più grandi alberi. Gazzelle, lepri, ed uccelli non erano … [Per saperne di più...]

Il primo compagno

L'ostacolo era stato vinto. Giovanni Finfin, ormai sbarazzato da quella barriera insuperabile, concentrò la sua attenzione sulle montagne che voleva raggiungere per attraversare il fiume. Distavano non più di dieci miglia, una semplice passeggiata per le gambe robuste del nostro … [Per saperne di più...]

Nel deserto

Erano le quattro del mattino quando Finfin aveva abbandonato il villaggio congolese. Egli marciò dieci ore senza arrestarsi, credendo sempre di avere alle spalle il re Mao-Kombo ed i suoi sudditi. La prospettiva di venire preso e decapitato gli aveva date le ali ai piedi. Quando si arrestò, il … [Per saperne di più...]

Un brutto quarto d’ora

Lasciamo che l'Aglae navighi verso i mari d'Europa ed occupiamoci a ritrovare Giovanni Finfin il quale non era niente affatto morto come aveva creduto il capitano Dorsemaine. Abbiamo lasciato il nostro eroe nel momento in cui si era precipitato sul cassero di poppa dietro la principessa Ben-Bera, … [Per saperne di più...]

Il banchetto a bordo

Il capitano dell'Aglae, a cui premeva di mettere in esecuzione il suo ardito progetto, diede subito mano allo scarico ed all'imbarco degli oggetti venduti ed acquistati colla più grande attività, ma i negri non imitarono punto i marinai del veliero. Stranieri a tutti i sentimenti dell'avarizia o … [Per saperne di più...]

La principessa Ben-Bera

Sarebbe contrario alla verità il supporre che tutte le negre siano laide, brutte, come sarebbe contrario alla verità il credere che tutti gli abitanti dell'Africa siano d'egual tinta. Gli abitanti delle coste della Guinea, pare che abbiano il monopolio della tinta color dell'ebano ed anche della … [Per saperne di più...]

Il re Mao-Kombo

Mezz'ora dopo l'Aglae levava le ancore e cominciava a risalire il fiume per giungere alla dimora reale di MaoKombo. I negri che abitavano le rive, vedendola veleggiare sul fiume, accorrevano numerosi salutandola con urla assordanti che si sarebbero potute scambiare per grida minacciose, tanto … [Per saperne di più...]

Le coste d’Africa

I geografi sovente non sono d'accordo nel fissare i limiti d'una regione, specialmente quando si tratta dell'Africa o dell'Asia, i due vecchissimi continenti, ma che pur anche oggidì sono i meno conosciuti. Gli uni pongono il Congo al capo Lopez, ossia presso le coste del Gabon; altri lo pongono … [Per saperne di più...]

Terribile combattimento contro uno squalo

L'Aglae, lasciate le coste di Francia, navigava rapidamente sulle azzurre acque dell'Atlantico, spinta da una brezza favorevolissima che le imprimeva una velocità di sei o sette nodi all'ora. Il tempo si manteneva buonissimo ed il cielo era sereno, senza una nube, senza un cirro che accennassero … [Per saperne di più...]

Giovanni Finfin

Un bel mattino di maggio, quando già il sole s'era alzato sull'orizzonte, nel momento in cui l'alta marea cominciava a montare, un bel brick, dipinto di fresco, con tutte le sue vele sciolte, usciva lentamente dalla baia di San Malo per guadagnare l'alto mare, lasciandosi a poppa le coste di … [Per saperne di più...]