Capitolo XX – Il fantasma delle giacche rosse

La partita oltre essere compiutamente perduta, minacciava diventare seriamente pericolosa pel pirata. Non era da presumersi che la sentinella, stante la oscurità e la distanza, avesse potuto ben scorgerlo dietro il cespuglio dov'erasi nascosto, tuttavia poteva sparargli addosso almeno per … [Per saperne di più...]

Capitolo XIX – Due pirati in una stufa

Ogni altro uomo che non fosse stato la Tigre della Malesia o per lo meno un Malese si sarebbe senza dubbio rotte le gambe o la testa in quella repentina caduta, ma non così avvenne per quell'uomo che oltre essere fatto d'acciaio possedeva l'agilità del felino. Aveva appena toccato terra, … [Per saperne di più...]

Capitolo XVIII – Il pirata e la giovanetta

La notte era oscura e sempre tempestosa. Il vento ruggiva sotto le oscure boscaglie, torcendo in mille guise i rami, strappando le foglie, piegando o sradicando gli alberi e la folgore guizzava fra le nubi accompagnata da formidabili tuoni. Era una vera notte d'inferno, propizia per tentare un … [Per saperne di più...]

Capitolo XVII – La villa di lord James

Dopo la repentina quanto brutale aggressione, che con simile tempo e in momenti così critici i pirati non s'avrebbero giammai aspettato, il povero prahos scomparve nel cavo di un'immensa onda, dalla quale non uscì che perdendo il rimanente dell'alberatura. Sandokan, rovesciato coll'equipaggio da … [Per saperne di più...]

Capitolo XVI – La spedizione di Labuan

L'audace quanto rapida risoluzione di Sandokan non aveva che uno scopo: impedire il matrimonio, si dovesse pure mettere a ferro e a fuoco l'intera Labuan, rubando la giovanetta che ormai si credeva in pieno diritto di far sua. La spedizione, alla quale prendeva parte anche il Portoghese, fu … [Per saperne di più...]

Capitolo XV – Il caporale inglese

La nuova che Sandokan era ritornato, si era sparsa colla rapidità del lampo in tutta l'isola. Il piroscafo non era ancora scomparso che una folla delirante, composta dei più vecchi campioni della pirateria, era di già salita sulla rupe a felicitare il gran capo del suo ritorno. Era tanta la … [Per saperne di più...]

Capitolo XIV – A Mompracem

Sandokan nel rivedere quell'isola, baluardo della sua potenza e della sua grandezza in quei mari, che non a torto chiamava suoi, sentì che ridiventava la Tigre della Malesia. La profonda ruga che solcava la sua fronte scomparve istantaneamente e la malinconica espressione del suo volto sfumò per … [Per saperne di più...]

Capitolo XIII – La canoa

La capanna di Giro Batoë si rizzava a poca distanza dalle rive di un ruscello, al coperto di un grande artocarpo che la proteggeva contro i raggi cocenti del sole e contro le pioggie. Era una baracca anziché un'abitazione, capace di ricoverare tutt'al più un indigeno che non sapesse procurarsi di … [Per saperne di più...]

Capitolo XII – Giro Batoë

Un uomo si era rizzato bruscamente dietro un cespuglio a cinque soli passi di distanza, col fucile teso orizzontalmente. Il pirata che si era arrestato, senza provare il minimo spavento alla terribile intimazione, senza abbandonare la sciabola che brandiva, pronto a servirsene, aveva subito … [Per saperne di più...]

Capitolo XI – La caccia al pirata

Se fosse stato in altri tempi, a quei tempi dove libero d'ogni legame si chiamava la Tigre della Malesia, il pirata, quantunque male armato e di fronte ad un nemico cento volte più numeroso, non avrebbe esitato un sol istante a gettarsi sulle punte delle baionette e aprirsi una strada in mezzo alle … [Per saperne di più...]