La fuga del principe Hassin (seconda parte)

 Vedendo entrare il governatore, s’alzò facendo un piccolo inchino, poi fissò i suoi occhi sulla giovanetta con viva curiosità, dicendo:
 – Siate i benvenuti nella mia casa.
 – La principessa Raibh aveva mostrato il desiderio di visitarvi e ve l’ho condotta nella speranza di farvi un piacere – rispose il governatore.
 – Vi ringrazio della vostra cortesia, signore. Sono così rare le distrazioni in questa città e ancora più rare le visite!… Ilrajah Brooke ha torto a lasciarmi in questo isolamento.
 – Voi lo sapete che ilrajah diffida di voi.
 – Senza ragione, poiché io non ho più partigiani. La saggia amministrazione delrajah Brooke me li ha staccati tutti.
 – Idayachi sì, ma i malesi…
 – Anche quelli, sir Hunton… ma lasciamo la politica, e permettete che vi offra un buon thè.
 – Si dice che voi ne abbiate di veramente eccellente – disse il governatore ridendo.
 – Vero thè fiorito, ve lo assicuro: il mio amico Tai-Sin me ne regala sempre, quando approda a Sedang. Servite il thè – disse poi. Kammamuri fu lesto a passare in una stanza attigua dove si udiva un rumore di chicchere e poco dopo rientrava seguito da un piccolo malese, il quale recava un servizio completo su di un vassoio d’argento.
 Il furbomaharatto versò la deliziosa bevanda e nella chicchera destinata al governatore lasciò cadere una pillola, che subito si sciolse.
 Offrì la prima tazza alla sua padrona, la seconda a sir Hunton e la terza al nipote del sultano, poi ritornò nella stanza vicina. Riempì rapidamente quattro tazze, vi sciolse altrettante pillole, poi disse al piccolo malese:
 – Seguimi col vassoio.
 – Vi sono altri invitati, signore? – chiese il servo.
 – Sì – rispose ilmaharatto con un misterioso sorriso. – Vi è un’altra uscita senza passare per il salotto?
 – Sì.
 – Precedimi.
 Il malese lo fece passare in una terza stanzetta la cui porta metteva sulla via. A pochi passi vegliavano le quattro sentinelle.
 – Giovanotti – disse ilmaharatto muovendo verso di loro. – La mia padrona, la principessa Raibh, vi offre il thè di Hassin. Giù tutto alla sua salute, ed ecco un pugno di rupie che vi prega di accettare.
 I quattro indiani non si fecero pregare due volte. Intascarono sollecitamente le rupie e tracannarono d’un fiato il thè, alla salute della munifica principessa.
 – Buona guardia, giovanotti – disse Kammamuri, ironicamente. Ritornò nel salotto del nipote del sultano. Proprio in quel momento il governatore, vinto dal potente narcotico, rotolava dalla sedia stramazzando pesantemente sui tappeti.
 – Buon riposo- disse ilmaharatto . Ada e Hassin si erano alzati.
 – Morto?…- chiese quest’ultimo con accento selvaggio.
 – No, addormentato – rispose Ada.
 – E non si sveglierà?…
 – Sì, ma fra ventiquattro ore e noi allora saremo molto lontani.
 – Dunque è vero che voi siete venuta qui per rendermi la libertà?…
 – Sì.
 – E per aiutarmi a riacquistare il trono dei miei avi?
 – È vero!
 – Ma per quale motivo?… Che cosa potrò fare io per voi, signora?…
 – Lo saprete più tardi: ora si tratta di fuggire.
 – Sono pronto a seguirvi: ordinate.
 – Avete dei partigiani?
 – Tutti i malesi sono con me!
 – E idayachi ?…
 – Si batteranno sotto le bandiere di Brooke.
 – Conoscete un luogo sicuro dove possiate attendere i vostri partigiani?
 – Sì, ilkampong del mio amico Orango-Tuah.
 – È lontano?
 – Presso la foce del fiume.
 – Andiamo: i cavalli sono pronti.
 – Ma le guardie?
 – Dormono al pari del governatore – disse Kammamuri.
 – Andiamo – ripeté Ada.
 Il giovane principe raccolse le gioie racchiuse in un piccolo forziere, staccò da una parete un fucile e seguì Ada e Kammamuri, dopo aver lanciato un ultimo sguardo sul governatore, il quale russava sonoramente.
 Dinanzi alla porta giacevano i quattro indiani, l’uno sull’altro, profondamente addormentati. Kammamuri prese loro le carabine e le cartucce, poi emise un fischio. Dal bosco vicino uscirono i quattro marinai dello yacht e Bangawadi. Essi conducevano otto cavalli. Kammamuri aiutò la sua padrona a salire su uno dei migliori, poi balzò agilmente in groppa a un altro dicendo: – Al galoppo!…
 Il drappello, guidato dal principe che conosceva la via meglio di Bagawadi, si mise al galoppo seguendo il margine della grande foresta che si estendeva lungo la sponda destra del fiume.

Lascia un commento

*

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.