Conclusione

Tre giorni durarono le stragi di Delhi, stragi orrende che strapparono un urlo d’indignazione non solo fra le nazioni europee, bensí nell’istessa Inghilterra.

Gl’indiani, sapendo la sorte che li attendeva, disputavano palmo a palmo il terreno, combattendo disperatamente nelle vie, nelle case, nei cortili, entro e fuori le cinte, sulle rive della Giumna.

Erano rimasti ancora in loro possesso il palazzo reale, il forte Selinghur e parecchi edifizi porticati, e opponevano una resistenza degna della piú alta ammirazione.

La sera però del 17, aperta una breccia nel muro del ben guarnito cortile dei magazzini, gl’inglesi espugnavano il palazzo reale, che era difeso da centoventi pezzi d’artiglieria e passavano a fil di spada tutti i difensori, compresi i figli dell’imperatore, caduti eroicamente colle armi in pugno.

Il 18 anche la batteria dei Kiscengange, che era armata di settantacinque cannoni e che costituiva l’ultima difesa degl’insorti, veniva oppressa sotto il fuoco formidabile dei grossi pezzi inglesi ed i difensori subivano egual sorte di quelli del palazzo reale.

Lo stesso giorno anche ilkotuali o municipio della città cadeva e cento cinquanta indiani, fra i quali parecchi membri della famiglia imperiale, che si erano arresi dietro promessa d’aver salva la vita, venivano fucilati ed impiccati dinanzi all’edificio!

Il 20 Delhi era tutta in mano agl’inglesi e allora ne seguirono scene spaventevoli e carneficine inaudite, degne dei selvaggi della Polinesia e non di gente incivilita e di europei.

Migliaia e migliaia d’indiani furono massacrati dalle truppe ubriache di sangue e di gin, che piú nulla ormai rispettavano, né sesso, né età, e la città intera subí un saccheggio spaventevole. I valorosi difensori della libertà indiana caddero tutti, dopo d’aver trucidate colle proprie mani la moglie e le figlie perché non cadessero nelle mani dei vincitori.

Il 24 Sandokan ed i suoi compagni, dopo averne ottenuto il permesso dal generale Wilson, lasciavano la disgraziata città dove migliaia e migliaia di cadaveri cominciavano ad imputridire nelle vie e nelle case e dove gl’inglesi continuavano ad impiccare e fucilare i vinti. De Lussac, nauseato da quelle barbarie, aveva chiesto ed ottenuto il permesso di accompagnarli a Calcutta.

Ormai l’insurrezione era domata e solo il prode Tantia Topi, colla bellissima e fiera Rani di Jhansie ed un pugno di valorosi, teneva ancora alta la bandiera della libertà, fra le folte jungle e le immense foreste del Bundelkund([7]).

Quindici giorni dopo, Sandokan, Yanez e Tremal-Naik con Darma, dopo d’aver ricompensato largamente Sirdar e d’aver lungamente abbracciato il valoroso francese, che li aveva cosí validamente aiutati nella terribile impresa, s’imbarcavano sullaMarianna , salpando per la lontana isola di Mompracem.

Surama, che aveva ormai conquistato interamente il cuore del flemmatico Yanez la tigre e Punthy li accompagnavano.

([1])Come si sa, le mucche in India sono considerate animali sacri.(NotadiSalgari)

([2])Piccoli cannoni di ottone che lanciano palle d’una libra.(NotadiSalgari)

([3])Liquore composto per la maggior parte di oppio liquido che ubriaca fortemente.(NotadiSalgari)

([4])Storico.(NotadiSalgari)

([5])La musica indiana ha quattro sistemi musicali, in relazione colle stagioni dell’anno. È malinconica nell’inverno, è viva in primavera, languida nell’estate, brillante nell’autunno.(NotadiSalgari).

([6])Sottotenenti.(NotadiSalgari) .

([7])Quel famoso generale per un anno tenne in iscacco tre eserciti inglesi e non si arrese se non dopo che la Rani cadde, crivellata di palle”(Nota diSalgari) .

Lascia un commento

*

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.